Commissioni e tasse nel Betting Exchange
Giovedì, 30 Marzo 2017
×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 43

Commissioni e tasse nel Betting Exchange

Pubblicato in Articoli Betting Exchange

Le commissioni e la tassazione nel Betting Exchange in Italia sono state regolamentate dal decreto legge n.47 pubblicato il 9 maggio 2013 in Gazzetta Ufficiale, a cui tutti gli operatori autorizzati AAMS devono sottostare per poter offrire il Betting Exchange in Italia. Le commissioni massime nel betting exchange in italia che un operatore autorizzato (Il fornitore della piattaforma di Betting Exchange) può applicare al cliente, sono del 10% sui profitti lordi realizzati dal cliente su un singolo mercato. Questo significa che se uno scommettitore realizza un profitto sul risultato esatto di una partita, pagherà su quel mercato le commissioni del proprio operatore. Se il cliente realizza una perdita in un determinato mercato, non pagherà nessuna commissione. Si paga solo se si ottiene un profitto!
Le commissioni applicate dagli operatori autorizzati sono, in linea con la media europea del Betting Exchange, il 5% e andranno (si presume in un prossimo fututo) a decrescere all’ aumentare dei volumi intermediati. Buone notizie quindi per i trader, che non pagheranno più commissioni ad eseguito (come succede nei mercati finanziari) ma soltanto sui profitti realizzati.

La tassazione nel betting exchange  applicata invece dalla Stato Italiano è il 20% sulle commissioni prelevate dall’ operatore autorizzato sui profitti del cliente. Quindi la tassa governativa non viene applicata sul totale del profitto realizzato, ma sulla commissione caricata dal concessionario al cliente.
La commissione sui profitti che i concessionari per il momento applicano ai loro clienti è del 5%; il cliente che realizza un utile di 100 euro su un determinato mercato, paga 5 euro di commissione al concessionario, e di questi ne accantona il 20%, cioè 1 euro, come tassa governativa che girerà alle scadenze prestabilite allo Stato come sostituto d’ imposta. Il cliente con questo sistema pagherà le tasse dovute direttamente alla fonte, e non dovrà fare in seguito nessuna dichiarazione fiscale.
Il profitto netto realizzato sarà pagato immediatamente dal concessionario titolare della piattaforma di Betting Exchange sul conto del cliente che potrà spendere subito come meglio crede.
Questo tipo di tassazione sul gioco è molto favorevole al cliente in quanto tassa solamente i profitti realizzati. La tassazione sulle scommesse sportive a quota fissa invece viene applicata sul giocato indipendetemente dalla vincita o perdita del cliente: il cliente una volta che ha fatto una puntata, pagà già la tassa statale indipendentemente dal risultato finale della scommessa fatta.

Letto 2683 volte

Altro in questa categoria: Borsa delle Scommesse »

 

 

 

Impara il Betting Exchange dai professionisti

Impara betting exchange nuovo

Questo sito utilizza cookies per migliorare il servizio. Se decidi di continuare la navigazione accetti il loro uso.